M5S CREAZZO ATTIVITA’ DI RISCOSSIONE COATTIVA (EQUITALIA) DA PARTE DEL COMUNE DI CREAZZO.

Al Sindaco di Creazzo
Al Presidente del Consiglio Comunale
di Creazzo

MOZIONE DI INDIRIZZO IN MERITO ALL’ATTIVITA’ DI RISCOSSIONE COATTIVA DA PARTE DEL COMUNE DI CREAZZO.

Atteso che alla data attuale l’Ente Comune di Creazzo risulta avvalersi dei servizi di Equitalia S.p.A. per l’attività di riscossione coattiva delle proprie entrate tributarie e patrimoniali;

visto che il DL 113/2016 ha ulteriormente prorogato rispetto a quella del 30/06/2016 la riscossione dei tributi a favore di Equitalia S.p.A. verso gli enti locali;

dato atto che si tratta dell’ottava proroga che si sussegue, risalendo il primo intervento normativo al 2011, quando il DL 70/2011 stabiliva che a decorrere dal 01/01/2012 la società Equitalia avrebbe dovuto cessare la propria attività di accertamento, liquidazione e riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate patrimoniali e tributarie dei Comuni e delle società da loro partecipate;

era previsto che da tale data i Comuni avrebbero dovuto effettuare la riscossione spontanea delle entrate tributarie direttamente o affidandola a terzi;

considerato l’attuale periodo di crisi economica che sta attraversando il nostro paese e le situazioni di disagio che hanno investito numerosi Cittadini verso i quali Equitalia spa ha comunque svolto il proprio compito di riscossione, senza alcun tipo di valutazione soggettiva delle condizioni del contribuente;

considerato il maggior introito per le casse comunali determinato dal risparmio delle provvigioni a favore di Equitalia spa;

ritenuto che la riscossione in proprio, a fronte dell’esperienza attuata da altri Comuni comporti un maggiore controllo relativo ai flussi delle entrate con un aumento di liquidità nelle casse comunali;

considerato che sia opportuno procedere fin da subito al fine di poter raccogliere quanto prima i risultati di questa attività;

il Movimento 5 Stelle impegna codesta Amministrazione

  1. ad interrompere il rapporto tra Comune di Creazzo ed Equitalia spa sollevando l’azienda da qualsiasi compito di riscossione all’interno del territorio comunale prescindendo da qualunque tipo di proroga venga ulteriormente concessa dal governo nazionale;
  1. a predisporre gli strumenti necessari a svolgere il servizio di riscossione utilizzando le risorse tecniche, strumentali, infrastrutturali ed umane interne al Comune di Creazzo;
  1. a riscuotere il credito nei confronti dei contribuenti utilizzando gli strumenti a disposizione ma rinunciando a confiscare o a mettere vincoli di qualsiasi natura sulla prima casa considerandolo un bene necessario come lo sono già letto, tavolo, sedie ecc. un bene primario, indispensabile e quindi inviolabile ed intoccabile da chiunque;
  1. ad adoperarsi affinchè il Comune di Creazzo agisca valutando soggettivamente, per quanto possibile, le situazioni dei singoli contribuenti, anteponendo una logica di carattere solidale e sociale alla logica economica finalizzata al profitto utilizzata fino ad oggi da Equitalia spa;
  1. ad intervenire con la massima trasparenza nelle richieste di pagamento, quali solleciti, diffide, intimidazioni, avvisi e la cancellazione di cartelle basate su crediti già pagati, prescritti, annullati o inesistenti;
  1. di trasmettere il presente provvedimento a tutti gli uffici comunali affinché non si provveda più all’invio ad Equitalia spa di cartelle coattive;
  1. ad adoperarsi presso gli altri Comuni della provincia di Vicenza per far conoscere e prendere in considerazione l’iniziativa.

Il Consigliere Comunale Portavoce
Movimento 5 Stelle Creazzo
Roberto Bosco
Creazzo, 27 agosto 2016.